Resoconto 2012-2017: Sviluppo Territoriale ed Economico

| Posted by | Categories: top news

Formello cuore del Parco di Veio, ultima tappa della Via Francigena, polo dell’Audiovisivo: questo era l’identikit tracciato al termine del processo partecipativo ‘Formello come la Vogliamo’ (avviato nel 2011) in cui tutta la comunità si era interrogata su quale futuro desiderasse per la città.

Tutti e tre gli aspetti hanno a che fare con dinamiche sociali ed economiche già in atto, ma che hanno bisogno di una forte spinta progettuale affinché vadano nella giusta direzione e diano forma al nostro futuro.

Il 70% del nostro territorio comunale è compreso nel Parco di Veio e la restante parte, quella urbanizzata, gode quindi di caratteristiche di grande valore. Per questa ragione una priorità è stata quella di dotare la città di un piano urbanistico comunale attualizzato, semplificato e più snello (per approfondire clicca sul link: https://goo.gl/x3ZtEt) dato che il precedente piano era stato concepito nell’ormai lontano anno 2000.

decidere-insieme-formelloUn processo avviato appena dopo le scorse elezioni, passato a sua volta attraverso un nuovo processo partecipativo (“Decidere insieme” nel 2014) e concluso lo scorso 14 febbraio con l’adozione in Consiglio Comunale della variante di adeguamento del piano regolatore generale.

Il ‘Cuore del Parco di Veio’ si riorganizza nella qualità con nuovi servizi, nuove connessioni e corridoi ecologici che entrano tra i tessuti urbani. In questi stessi anni sono stati approvati definitivamente anche piani particolareggiati come quelli di Mont’Ecco, Monte Ciavarini (2016) e La Bandita (2016), il primo quartiere di edilizia residenziale pubblica di Formello, per chi una casa a prezzi di mercato non può permettersela.

Si è già detto molto dello sviluppo legato all’essere ‘Ultima tappa della via Francigena’: l’apertura dell’ostello della Gioventù (2013) e di Mansio (2014), i restauri che hanno interessato il centro storico e i suoi monumenti (2015-2016), la realizzazione di Museo dell’Agro Veientano e DIF (2016), le numerosissime iniziative, eventi e festival hanno generato una vocazione turistico-ricettiva che ormai si integra con il tessuto produttivo. A testimoniarlo non c’è solo l’apertura di nuove attività come osterie e b&b, ma anche la strutturazione di una nuova progettualità, come quella che ha portato molte imprese del territorio ad aderire al progetto “Rete di impresa” (2016), con cui wi-fi, app, eventi, arredo urbano, street art e Francigena coesistono in un’unica azione di rilancio del commercio. La rete sentieristica, realizzata con il Parco di Veio, consente di avere un unico grande sistema escursionistico di cui Formello è il centro, mentre aumentano anche le iniziative legate al cicloturismo, sia di strada che su mountain bike.

ImmagineCome ormai tutti i cittadini formellesi sanno, numerose fiction trasmesse dai canali televisivi nazionali sono girate a Formello. ‘I Medici’, di cui è in preparazione anche la seconda serie, ‘Don Matteo’, ‘Non dirlo al mio capo’, ‘Un passo dal cielo’, ‘Rimbocchiamoci le maniche’ sono solo alcuni dei titoli che hanno interessato il sistema produttivo di Olmetti in questi anni. Formello è ormai uno dei principali poli produttivi audiovisivi del Lazio, l’unico nel quale la compresenza di imprese del settore sia tale da individuare un vero e proprio distretto (Servizio del TG3 sul polo dell’audiovisivo di Formello, dal minuto 9:00), per cui è possibile parlare di Formello come di un Polo Audiovisivo già esistente.

Nel 2015 la firma del protocollo di intesa con Regione Lazio e Città Metropolitana ha portato a individuare lo sviluppo del Polo come una priorità regionale. Per questo è stato possibile, nel 2016, formulare una importante proposta per aprire le porte di questa realtà ai nostri ragazzi, affinché possano formarsi e trovare lavoro nel settore: l’apertura a Formello di una sede dell’Istituto di Istruzione Superiore Statale Cine-TV “Roberto Rossellini”, da collocare nel secondo piano di Palazzo Chigi. Proposta accolta dal Consiglio di Istituto lo scorso 2 marzo e pronta a fare ulteriori passi in avanti. La successiva attuazione del Protocollo, con l’arrivo di investitori che in questi anni di difficoltà economiche hanno attentamente osservato l’evolversi della crisi, porterà anche un nuovo svincolo, viabilità e una vera e propria cittadella della produzione multimediale, come previsto dal piano attuativo adottato nel 2012.

1522216_10202522663410015_994199942_nSul versante delle iniziative per lo sviluppo è bene ricordare, infine, l’apertura della Farmacia Comunale a Olmetti (2013). Questa realtà copre una zona che prima era priva di tale servizio, ma soprattutto si traduce in sconti, convenzioni e adesioni a servizi sanitari, all’interno di una gestione che porta entrate nelle casse del Comune: il bilancio della Farmacia comunale nel 2016 ha portato un saldo positivo per l’ente di 47.428 €.

Con l’annuncio dell’autorizzazione all’apertura dell’istituto Superiore per l’Audiovisivo terminano gli articoli di resoconto sull’attività di mandato 2012-2017. Non si tratta di una coincidenza: il racconto del passato termina con un importante affaccio sul futuro. Un futuro le cui parole chiave sono giovani, lavoro, speranza. Con questa splendida notizia l’appuntamento va ora al racconto di quello che vorremmo fare negli anni 2017-2022. Non un programma elettorale, ma una vera e propria agenda delle cose da fare, pratica, solida, realistica e credibile.

Ne parleremo presto. Il cammino continua!